ALCASE Italia

ALCASE Italia

per la lotta al cancro del polmone

Parestesie/algie toraciche post-operatorie

Parestesie/algie toraciche post-operatorie

1 Marzo 2021

CONTESTO
Il dolore può essere definito come un’esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole associata a un danno tissutale effettivo o potenziale, che provoca infiammazione e propagazione di stimoli al sistema nervoso centrale
Esistono in letteratura molti farmaci utili a gestire stati dolorosi di diversa natura:
– antinfiammatori non steroidei (FANS) che agiscono inibendo l’enzima cicloossigenasi (COX) responsabile del rilascio dei mediatori dell’infiammazione.
– inibitori orali della COX-2 che inibiscono la produzione di prostaglandine che mediano l’infiammazione e la trasmissione del segnale del dolore
Estratto da The Annals of Toracic Surgery

In ogni caso è il medico di riferimento che, avendo una visione complessiva della situazione clinica del paziente, può dare indicazioni precise e mirate al fabbisogno.


Buona sera Professore, la ringrazio per l’attenzione.
Sono una signora di 66 anni.
Parestesia post operatoriaNel 2019 mi hanno diagnosticato un adenocarcinoma non a piccole cellule, stadio 2B con mutazione EGFR esone 19.
A settembre mi sono sottoposta a lobectomia del polmone destro ed asportazione di n. 5 linfonodi risultati negativi.

Attualmente non faccio nessuna terapia, in quanto mi hanno detto non necessaria.

Le chiedo, Professore, se è normale dopo l’operazione avvertire dolore e percepire insensibilità al seno ma con un formicolio diffuso?

Da cosa può dipendere? Cosa posso fare?.
La ringrazio sentitamente
Perla

Carissima Perla,

il formicolio che sente fa parte di una serie di disturbi che si possono verificare dopo l intervento anche per svariati mesi.
Si chiamano parestesie e/o disestesie cutanee, cioè alterazioni della sensibilità della cute nella zona del taglio chirurgico che si possono verificare anche in zone limitrofe per “irradiazione” e talvolta essere percepite come sensazioni dolorose al contatto.

Sono molto spesso transitorie e comunque ci sono terapie che possono controllare la situazione. Le suggerisco come sempre di rivolgersi al proprio medico per un adeguato schema terapeutico.

Cordiali saluti,

Prof. Filippo Lococo
Professore Associato in Chirurgia Toracica
IRCCS-Fondazione Policlinico Gemelli,
Università Cattolica del sacro Cuore
Roma, Italia

Di |2024-06-02T18:43:04+00:001 Marzo 2021|chirurgo toracico Lococo risponde|2 Commenti

Scritto da:

2 Commenti

  1. Vincenzo 14 Febbraio 2023 al 10:42 am - Rispondi

    Buongiorno Prof. Lococo.
    Volevo chiederLe quanto tempo occorre per la ripresa fisica dopo un intervento di asportazione del polmone sinistro.
    Mio padre, 74 anni, è stato operato per adenocarcinoma un mese fa e ad oggi avverte dolori alla ferita che si irradiano alla schiena ed a volte anche all’addome. Sono dolori riconducibili al post operatorio?
    Inoltre ha poco appetito e si sente debole.
    La ringrazio
    Vincenzo

    • FILIPPO LOCOCO 14 Febbraio 2023 al 10:43 am - Rispondi

      Caro Vincenzo,
      dopo interventi chirurgici di resezione polmonare, i dolori intercostali possono essere presenti per molte settimane e fanno parte del decorso post-operatorio (soprattutto dopo interventi a “cielo aperto” con tecnica toracotomica). Il dolore tende a diminuire con le settimane, ma sarebbe utile sempre affidarsi ad un terapista del dolore per trovare la cura più adeguata ed efficace se il dolore persiste per più di 6 settimane.
      Cordialmente
      Filippo Lococo
      Professore Associato in Chirurgia Toracica
      IRCCS-Fondazione Policlinico Gemelli,
      Università Cattolica del sacro Cuore
      Roma, Italia

Scrivi un commento

Torna in cima