ALCASE Italia

ALCASE Italia

per la lotta al cancro del polmone

Scopri il Mesotelioma Pleurico Maligno (MPM)

Il Mesotelioma Pleurico Maligno (MPM) è una forma aggressiva di cancro che colpisce la pleura, la membrana che riveste i polmoni. Mentre l'esposizione all'amianto è il principale fattore di rischio, non tutti i casi di MPM sono chiaramente legati all'amianto, suggerendo un ruolo importante dei fattori genetici.

Scopri il Mesotelioma Pleurico Maligno (MPM)2024-06-02T15:30:40+00:00

Atezolizumab per il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) non trattabile con chemioterapia a base di platino

Un nuovo studio ha dimostrato che, in pazienti con NSCLC operabile in stadio iniziale, l'uso di pembrolizumab prima e dopo l'intervento chirurgico di resezione per un cancro al polmone è in grado di ridurre del 42% il rischio di recidiva, progressione o morte rispetto alla sola chemioterapia neoadiuvante e chirurgia.

Atezolizumab per il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) non trattabile con chemioterapia a base di platino2024-06-02T15:37:34+00:00

Primi dati a favore della combinazione di chemioterapia, Nivolumab  e Ipilimumab

Lo studio di fase II NEOSTAR riporta risultati piuttosto promettenti con la combinazione di Nivolumab , Ipilimumab e Chemioterapia, nel trattamento neoadiuvante dei pazienti con NSCLC resecabile

Primi dati a favore della combinazione di chemioterapia, Nivolumab  e Ipilimumab2024-06-02T18:29:56+00:00

Sugemalimab: un nuovo, efficace immunoterapiaco per il cancro non a piccole cellule del polmone (NSCLC) metastatico

I benefici della aggiunta di Sugemalimab alla chemioterapia sono stati osservati in tutti i sottogruppi di NSCLC metastatico, a prescindere dal tipo istologico e dai livelli di espressione di PD-L1. Ciò significa che anche i pazienti con livelli di PD-L1 assenti, con NSCLC squamoso e non, possono beneficiare di questa terapia. Inoltre, l'aggiunta di Sugemalimab alla chemioterapia standard non ha mostrato alcun peggioramento degli effetti collaterali rispetto alla sola chemioterapia.

Sugemalimab: un nuovo, efficace immunoterapiaco per il cancro non a piccole cellule del polmone (NSCLC) metastatico2024-06-02T18:33:32+00:00

Nivolumab in neoadiuvante. Migliora sensibilmente l’efficacia della chemioterapia pre-operatoria

Nei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule resecabile, nivolumab in neoadiuvante associato alla chemioterapia ha determinato una sopravvivenza libera da malattia significativamente più lunga e una percentuale più elevata di pazienti con una risposta patologica completa rispetto alla sola chemioterapia. L'aggiunta di nivolumab alla chemioterapia neoadiuvante non ha aumentato l'incidenza di eventi avversi né ha impedito la fattibilità della chirurgia (Risultati di uno studio internazionale, ilCheckMate 816, pubblicato sull'autorevole New Engl J Med ).

Nivolumab in neoadiuvante. Migliora sensibilmente l’efficacia della chemioterapia pre-operatoria2024-06-02T18:34:00+00:00

Aperto una nuovo approccio (basato sull’immunoterapico SINTILIMAB) per curare i tumori polmonari EGFR mutati in progressione dopo inibitori TK

ll trattamento combinato di Sintilimab più IBI305 più cisplatino e pemetrexed è risultato significativamente superiore alla chemioterapia e relativamente ben tollerato nei pazienti con NSCLC e mutazione dell'EGFR progredito dopo una precedente terapia con inibitori della tirosin-chinasi dell'EGFR.

Aperto una nuovo approccio (basato sull’immunoterapico SINTILIMAB) per curare i tumori polmonari EGFR mutati in progressione dopo inibitori TK2024-06-02T18:35:41+00:00
Torna in cima