Il terapista del dolore risponde

Il terapista del dolore e il cancro del polmone

Rubrica di supporto di ALCASE Italia a cura della prof.ssa Caterina Aurilio

La Prof.ssa Caterina Aurilio è Professore Ordinario di Anestesia e Rianimazione a.r. presso l’Università degli Studi della Campania, Luigi Vanvitelli.

Nell’ottobre 2015 a Bologna, la Prof.ssa Aurilio è stata eletta Presidente dell’Associazione Italiana per lo Studio del Dolore (AISD) e e di tale Associazione è attualmente membro del Comitato Scientifico.

Nel 2015 e fino al 2019 è stata eletta Coordinatrice della Terapia del dolore nel board della Società Nazionale di Anestesiologia (SIAARTI).

“Durante la mia presidenza”, come ricorda ella stessa, “ho reso più visibile la terapia del dolore aggiungendola alla denominazione della Scuola di specializzazione che è diventata oggi Scuola di specializzazione in anestesia, rianimazione e terapia del dolore, anche se il sogno nel cassetto è di avere una specializzazione in medicina del dolore, così da formare dei professionisti dedicati.

Attualmente è rappresentante italiano presso la Società Europea del Dolore (EFIC).

E’ commissario scientifico della Società Europea di Anestesiologia e Terapia Intensiva (ESAIC) per il Dolore e la Terapia Intensiva.

È autore di circa 100 articoli su riviste specializzate, nell’ambito del trattamento del dolore.

L’algologia, o terapia antalgica, detta anche terapia del dolore o medicina del dolore, consiste nell’approccio medico-scientifico al trattamento del dolore.

il terapista del dolore risponde

Il terapista del dolore risponde

I quesiti posti agli esperti:

devono essere inerenti il cancro del polmone;

non devono riguardare un caso clinico personale -per il quale occorre invece chiedere un consulto medico al link: https://alcase.it/support/medici-eccellenti/-, ma devono porre una questione di carattere generale che possa essere d’aiuto ad altri pazienti;

non devono essere già stati trattati (verificare i commenti già pubblicati).


Si invita, pertanto, a sottoporre soltanto quesiti coerenti con le tre condizioni su esposte.

Nel caso in cui le domande non rispettino i requisiti succitati, ALCASE non le inoltrerà agli esperti e non risponderà ad eventuali solleciti