ALCASE Italia
ALCASE Italia
per la lotta al cancro del polmone

Bolle subpleuriche. Cosa fare?

Bolle subpleuriche. Cosa fare?

14 Agosto 2021

CONTESTO
Le bolle d’aria sono strutture sferiche anomale, piena d’aria, che si sviluppano all’interno del polmone. Si formano nel tessuto polmonare anormale e non assicurano gli scambi gassosi tra sangue e aria. Le loro dimensioni vanno da meno di 1 cm alla grandezza dell’intero polmone. Una piccola bolla isolata non causa in genere alcun disturbo; se invece è voluminosa, può comprimere il resto del polmone o i grossi vasi, provocando disturbi cardio-respiratori. Alcune bolle superficiali, anche di piccole dimensioni, possono rompersi e complicarsi, dando luogo a pneumotorace (presenza d’aria nella pleura). Di solito non è necessario alcun trattamento, ma è sufficiente procedere a controlli regolari. All’occorrenza, si interviene chirurgicamente.
Fonte Star Bene medicina


Buon pomeriggio, Dottore.
Mio padre affetto da adenocarcinoma IV stadio con metastasi cerebrali nella giornata del 29.07 ha effettuato la sua prima tac total body di controllo dopo 6 cicli di immunoterapia con pembrolizumab.

bolle subpleuricheIl tumore si è dimezzato per fortuna.

Ma nel referto c’è scritto che ci sono delle piccole bolle d’aria subpleuriche evidenti a sinistra in corrispondenza del lobo superiore e a destra in corrispondenza del lobo inferiore.

Cosa vuol dire?
È da preoccuparsi?
Ci potrebbe essere un collasso del polmone?
E poi come si interviene, chirurgicamente o può scomparire da solo?
Grazie mille per quello che fate.
Marisa

Carissima Marisa

il riscontro di bolle subpleuriche è un evento abbastanza frequente, soprattutto nei pazienti fumatori o esposti a polveri.
E’ il segno di un danno del tessuto polmonare e spesso si manifesta insieme a deficit del quadro funzionale respiratorio.
Di per sè però non è una malattia che necessita di un intervento chirurgico (a meno di complicazioni come il Pneumotorace), ma di ottimizzare la terapia medica per prevenire peggioramenti della funzione respiratoria.

Cordiali saluti,

Prof. Filippo Lococo
Professore Associato in Chirurgia Toracica
IRCCS-Fondazione Policlinico Gemelli,
Università Cattolica del sacro Cuore
Roma, Italia

Torna in cima