ALCASE Italia

ALCASE Italia

per la lotta al cancro del polmone

Eliminare del tutto i carboidrati?

Buongiorno, dott.ssa.
Sono un malato di cancro al polmone al IV stadio. Faccio parte della Community social di Alcase e la settimana scorsa tra noi, malati e famigliari, si è aperta una discussione sull’alimentazione oncologica. Tutti sappiamo che ci sono alcuni alimenti vietati e altri concessi, ma anche che ogni caso è a sè, specialmente se c’è di mezzo una magrezza importante.
Qualcuno sostiene che bisogna seguire una dieta equilibrata senza eccessi con pochi fritti, poca carne rossa e senza zuccheri, ma non so se questo sia sufficiente per tutti, perché ogni malato segue terapie diverse e diverso è il bisogno di apporto calorico.
Una signora ha poi riferito un’affermazione del suo oncologo che mi ha stupito molto e di cui non avevo mai sentito parlare: se si tolgono completamente gli zuccheri e i carboidrati, il tumore va a cercare nutrimento da altre fonti .
È un’affermazione che ha dei fondamenti scientifici?
Che tipo di consigli generali può dare a chi sta facendo terapie con chemio ed immunoterapici?
Grazie mille.
Antonio

Buongiorno Antonio

L’affermazione di per se è corretta, in quanto in assenza di zuccheri, l’organismo demolisce grassi e proteine per trasformarli in glucosio, unica molecola che la cellula può convertire direttamente in energia.
L’eliminazione completa dei carboidrati, a meno che non sia su diretta indicazione dell’oncologo, andrebbe evitata.
Alla luce degli studi disponibili, è però saggio limitarne il consumo, soprattutto se ad alto indice glicemico in quanto importante fattore di rischio indiretto. L’alto indice glicemico induce aumento dell’insulina che a sua volta favorisce i processi infiammatori e la crescita cellulare.
Consiglio quindi di scegliere un’alimentazione antinfiammatoria, che preveda in primo luogo l’allontanamento da tutti quei prodotti lavorati, trattati e raffinati, prediligendo il consumo di carboidrati esclusivamente a basso indice glicemico, associati alla fibra vegetale, alla componente proteica e ai grassi di qualità.
Spero di aver chiarito i suoi dubbi

Un saluto cordiale

dott.ssa Martina Toschi

Biologa nutrizionista

Di |2024-06-02T15:27:38+00:004 Maggio 2024|nutrizionista Toschi|0 Commenti

Scritto da:

Scrivi un commento

Torna in cima