ALCASE Italia
ALCASE Italia
per la lotta al cancro del polmone

Programmare strategie per affrontare la malattia

Programmare strategie per affrontare la malattia

Avevo una leggera tosse che non se ne andava e non potevo fare il mio normale allenamento…
Sono andata dal mio medico per vedere se stavo abbastanza bene da farmi vaccinare per un’escursione in Patagonia. Sebbene i miei polmoni sembrassero in buone condizioni, mi ha mandato a fare una radiografia del torace seguita il giorno successivo da una TAC. Dopo aver visto la mia scansione, ha immediatamente fissato un appuntamento con uno pneumologo che ha cancellato il suo programma e ha eseguito una broncoscopia il giorno successivo. Tutti indossavano “tute spaziali” perché pensavano che la mia scansione potesse aver mostrato la tubercolosi!
Una settimana dopo ho subito una resezione a cuneo polmonare. Due settimane dopo ho ricevuto la notizia… NSCLC con mutazione EGFR in stadio 4!
Credo che, poiché non avevo nessuno dei fattori di rischio e mi prendevo cura di me stessa fisicamente, tutti abbiano fatto uno sforzo extra per ottenere una diagnosi rapida.
La mia vita è stata improvvisamente sconvolta! Per anni io e mio marito volevamo andare in Patagonia e ora non eravamo in grado di andarci. È stato uno shock totale! Ero l’ultima persona che qualcuno si sarebbe aspettato di vedere con un cancro ai polmoni. Sono un’atleta. professionista del tennis, escursionista, canoista, sciatrice di fondo, moglie, madre e nonna.
Mia figlia era in visita da noi quando ho ricevuto la diagnosi. Le ho detto che avevo ricevuto le migliori notizie possibili (EGFR+) e lei è scoppiata in lacrime. Mi ha chiesto perché fingevo che andasse tutto bene quando non lo era.
Le ho detto che avevo una scelta… mi era stata data questa mano. Potevo accettarla e continuare a vivere la mia vita, oppure potevo essere infelice e angosciata perché avevo il cancro.
Mi ha detto quanto sia stato stimolante quel messaggio per lei. Alcuni anni dopo, infatti, ha seguito il mio esempio quando le è stato diagnosticato un cancro al seno.
Mio marito è stato la mia roccia. Dice che ce la faremo INSIEME. Mi sfida a fare le cose fuori dalla mia zona di comfort ed è incredibilmente paziente quando camminiamo… anche portando il mio zaino in salita se stiamo facendo una lunga camminata! È il mio “assistente personale” che include la pianificazione delle nostre prossime avventure. Camminiamo ogni giorno per circa tre miglia con dislivello.
Due anni dopo la mia diagnosi, abbiamo fatto la nostra ultima escursione di 13,5 miglia in Nuova Zelanda. Ci rendiamo conto che non saremo in grado di fare di nuovo qualcosa di così ambizioso, ma abbiamo in programma altre escursioni.
Il mio oncologo è stato di grande aiuto, incoraggiandomi ad affrontare queste avventure e a continuare a vivere la mia vita.
Dopo la mia diagnosi, il mio tennis manager, gli studenti e le squadre hanno capito che le mie priorità erano cambiate. Mi hanno incoraggiato a fare cose per ME, senza preoccuparmene ogni settimana.

Subito dopo la mia diagnosi, ho parlato con l’assistente sociale/professionista delle cure palliative nell’ufficio del mio oncologo. Mi ha aiutato a sviluppare strategie per mantenere la speranza e per farcela. Mi ha incoraggiato a lavorare per obiettivi, essere creativo e pianificare attività… in altre parole, a VIVERE! Ho ricominciato a trapuntare e ho donato quasi 20 trapunte a case di cura, programmi di sensibilizzazione e centri per anziani. Questo mi dà un senso di scopo oltre a consumare la mia enorme scorta di tessuto!

Il mio assistente sociale mi ha anche suggerito di fare qualche forma di meditazione. Ho raccolto il suo suggerimento e ho aggiunto una forma di qigong (Shibashi) che si adatta alla mia personalità e mi aiuta a essere più in sintonia con me stessa attraverso la respirazione, la visualizzazione e il movimento.

Ho trovato speranza nelle storie dei sopravvissuti nella comunità del cancro ai polmoni.

Direi a chi ha appena iniziato il trattamento:
1.Il cancro ai polmoni non ti definisce… tu sei molto di più!
2.Mantieni il tuo livello di forma fisica… ti aiuterà in tanti modi!
3.Crea una lista dei desideri e inizia ADESSO… pianifica in modo da avere un obiettivo o qualcosa da guardare al futuro.
4.Fai qualcosa che nutre la tua anima… escursionismo, musica, cucito, arte, insegnamento, ecc.
5.Non esitare a chiedere cure palliative all’inizio del vostro trattamento… vi aiuterà a condurre una vita migliore.

Controlla ciò che puoi controllare… e controlla le tue reazioni a tutto il resto.
Sono stata estremamente fortunata ad avere una famiglia molto solidale, un grande oncologo, un’ottima assicurazione sanitaria e la possibilità di viaggiare. Sono anche grata per tutta la ricerca sul cancro del polmone che ha dato speranza a tanti di noi.

Fonte Lung Cancer Research Foundation

Torna in cima