ALCASE Italia

ALCASE Italia

per la lotta al cancro del polmone

Versamenti pleurici saccati di origine tumorale

Versamenti pleurici saccati di origine tumorale

5 Novembre 2021

CONTESTO

versamento pleuricoUn versamento pleurico è un accumulo di liquido extra nello spazio tra i polmoni e la parete toracica. Questa zona è chiamata spazio pleurico. Circa la metà delle persone con cancro sviluppa un versamento pleurico.
Quando il cancro cresce nello spazio pleurico, provoca un versamento pleurico maligno.
Diagnosi di versamento pleurico
Il medico può utilizzare i seguenti test per individuare, diagnosticare o pianificare il trattamento di un versamento pleurico maligno: Esame fisico – Radiografia del torace, immagine dell’interno del corpo che mostra l’accumulo di liquidi – Scansione di tomografia computerizzata (TC) , che crea un’immagine tridimensionale dell’interno del corpo – Ultrasuoni , che utilizza le onde sonore per creare un’immagine dell’interno del corpo – Toracentesi, che utilizza un ago per rimuovere il fluido dallo spazio pleurico per il test.
Trattamento del versamento pleurico
Un versamento pleurico spesso deve essere trattato in ospedale o in clinica. Il trattamento più comune consiste nel drenare il liquido pleurico maligno. Questo può essere fatto in diversi modi: Toracentesi – Toracostomia con tubo, che utilizza un tubo inserito nel torace per 24 ore per drenare il liquido. Questo di solito è seguito da un processo chiamato pleurodesi. Questo processo utilizza sostanze, come il talco, per attaccare il bordo del polmone alla parete toracica. Ciò riduce la possibilità che il fluido ritorni. – Inserimento temporaneo di un catetere nello spazio pleurico. – Inserimento di uno shunt, che bypassa o devia il fluido in eccesso da un punto all’altro – Trattare il cancro con la chemioterapia per prevenire il ritorno dell’effusione
Fonte cancer.net


Gentile professore,
le scrivo per chiederle cosa è possibile fare in caso di versamento pleurico saccato molto comune in pazienti con cancro ai polmoni.
Pare non sia possibile drenarlo e allora?
Lo si lascia in sede ?
Se sì, che alternative ci sono , se ce ne sono , affinché possa assorbire?
Grazie
Teresa
IRCCS-Fondazione Policlinico Gemelli,
Università Cattolica del sacro Cuore
Roma, Italia

Carissima Teresa,

il versamento pleurico si associa spesso alle neoplasie polmonari, quasi sempre come espressione della diffusione di malattia nel cavo pleurico.
La gestione del versamento pleurico è abbastanza complessa quando il liquido di distribuisce in multiple sacche perché l’evacuazione con il drenaggio non risulta facilmente praticabile.
In taluni casi può essere necessaria una “pulizia” del cavo pleurico se si ravvedono dei sintomi tali da necessitare l’evacuazione del liquido.
Si consiglia sempre una gestione nei centri specializzandi di chirurgia toracica per ottimizzare la strategia terapeutica

Cordiali saluti,

Prof. Filippo Lococo
Professore Associato in Chirurgia Toracica
IRCCS-Fondazione Policlinico Gemelli,
Università Cattolica del sacro Cuore
Roma, Italia

2024-06-02T18:41:02+00:00

7 Commenti

  1. Laura 22 Agosto 2022 al 9:20 am - Rispondi

    Gentile dottore,
    Per quanto tempo può rimanere “inserito” un drenaggio toracico per eliminare un versamento pleurico? Mio marito è ricoverato ormai da 15 giorni con drenaggio per risolvere questo problema… Dopo quanto tempo si toglie di solito?
    Inoltre sembra esserci anche un lieve versamento pericardico e i medici parlavano di aprire una “finestra” nel drenaggio già inserito per poter togliere anche liquido intorno al cuore.. Mi chiedevo se è un’operazione rischiosa per un paziente con adenocarcinoma polmonare e se ci sono altri modi per eliminare tale versamento
    Grazie per l’attenzione.
    Un saluto
    Laura

    • FILIPPO LOCOCO 22 Agosto 2022 al 9:23 am - Rispondi

      Gentile signora,
      il drenaggio pleurico di solito serve per dare notizia della qualità del liquido pleurico (purulento o non purulento, ematico o non ematico etc etc) ma anche della quantità e di solito viene rimosso quando il liquido drenato risulta inferiore a 200cc o 300cc secondo le varie scuole di pensiero.
      La finestra pericardica di cui parla in realtà è una procedura chirurgica che viene fatta sul paziente per evitare che il liquido si accumuli dentro il pericardio (il “sacco” che riveste il cuore). Credo non abbia capito bene quindi le informazioni che le sono state date. Le consiglio di rifare un colloquio con i curanti per avere tutte le informazioni dettagliate sul caso in oggetto.
      Cordialmente
      Filippo Lococo
      Professore Associato in Chirurgia Toracica

  2. Laura 25 Agosto 2022 al 7:59 am - Rispondi

    Gentile.dottore,
    La ringrazio per la risposta..ho riparlato con i medici,i quali hanno confermato,come giustamente diceva Lei,che la finestra pericardica è un vero e proprio intervento e quindi stanno valutando come fare per poter drenare anche quel liquido.
    Spero che la situazione di mio marito si possa sistemare.
    Grazie per la Sua cortesia

  3. Nadia Alfano 26 Agosto 2023 al 5:39 pm - Rispondi

    Gentile dottore,
    Mio padre ha un versamento di tipo ematico al polmone ( k polm 4 stadio) ci hanno detto che purtroppo non è possibile drenarlo a causa dei valori bassi (emoglobina 8)…
    Dunque non abbiamo vie di uscita? È possibile? Si è aggravato in pochissimo tempo…
    Grazie….

    • Filippo Lococo 28 Agosto 2023 al 9:47 am - Rispondi

      Gentile signora,
      il liquido pleurico associato alle neoplasie polmonari rappresenta un problema molto comune che spesso riduce la qualità di vita dei pazienti che accusano un affanno respiratorio come conseguenza di tale versamento.
      Molto spesso è indicata la rimozione del liquido attraverso un drenaggio pleurico per ottenere una corretta riespansione del polmone.
      In pochi casi invece, quando il polmone rimane intrappolato dalla malattia e non si riespande dopo l’asportazione del liquido, non risulta indicato il drenaggio pleurico.
      Cordiali saluti,
      Filippo Lococo
      Professore Associato in Chirurgia Toracica
      IRCCS-Fondazione Policlinico Gemelli

  4. Pina 26 Settembre 2023 al 7:54 pm - Rispondi

    Gentile professore
    Mia figlia è affetta da adenocarcinoma polmonare metastatizzato EGFR +.
    Ha iniziato il primo dicembre 2022 terapia con Tagrisso 80. La prima pet del 24 aprile 2023 ha mostrato una buona regressione . Ancora presenti versamento pleurico di mm 25 a destra e 20 a sinistra. Alla fine di giugno è stata ricoverata per una polmonite. Il 7 settembre dalla pet di controllo risulta un versamento a destra di 6cm e a sinistra di 5 cm.
    Mia figlia si sente abbastanza bene. Ha una buona saturazione, non ha febbre nè dispnea.
    I chirurghi toracici hanno prospettato la possibilità di procedere con il prelievo del liquido e con il talcaggio.
    Lei che ne pensa?
    La ringrazio e resto in attesa
    Pina

    • Filippo Lococo 26 Settembre 2023 al 7:57 pm - Rispondi

      Gent. Signoara,
      di solito il versamento pleurico neoplastico è monolaterale mentre quello bilaterale più spesso è di altra natura. Procederei prima ad evacuazione del liquido e riserverei il talcaggio colo in caso di riformarsi del liquido o positività del liquido alla presenza di cellule tumorali. Il quadro dal punto di vista oncologico è un po’ complesso e senza altri elementi mi è un po’ difficile esprimermi.

      Un caro saluto,

      Filippo Lococo
      Professore Associato in Chirurgia Toracica

Scrivi un commento

Torna in cima